Rappresentative. Locri sconfitto ma a testa alta

Finali amare per le rappresentative Giovanissimi e Allievi della delegazioni di Locri.

Presso il centro federale di Catanzaro, sotto una costante pioggia che ha reso scivoloso il terreno di gioco le rappresentative della delegazioni di Locri hanno dato filo da torcere alle più quotate delegazioni di Catanzaro e Cosenza.

Alle 15.00 in campo gli Allievi allenati dal tecnico gioiosano Mario Loccisano in collaborazione con Maurizio Gallo.Quattro atleti biancorossi in campo: Gallo, Ierinò, Pisciuneri e Misogano. Partita avvincente, piena di colpi di scena. Passa in vantaggio Catanzaro, su calcio di rigore. Nella ripresa Locri trova il pareggio con Pelle, sempre su calcio di rigore. Catanzaro trova la rete del 2-1 a metà ripresa, ma a cinque minuti dalla fine ancora Pelle, questa volta sugli sviluppi di un calcio d’angolo, stacca imperioso e sigla il 2-2. All’ultimo minuto occasionissima per Locri che con Costera sfiora la rete del 3-2, ma il tiro lambisce il palo. Ai supplementari ancora occasioni per Locri, con il goal che sembra poter arrivare da un momento all’altro. Costera, Manglaviti, Panetta e ancora Pelle sfiorano a ripetizione il goal. Alla fine è la lotteria dei calci di rigore a decretare Catanzaro campione della Coppa Calabria per rappresentative.

2000-01-01 012 (Copy)

A seguire sono scesi in campo i giovanissimi guidati da Mister Silvio Frascà. Tre calciatori gioiosani in campo: Ientile, Calvelli e Ierinò T.. Passa subito in vantaggio Cosenza con un colpo di testa su calcio d’angolo. Locri prova in tutti i modi a pareggiare, creandosi più volte pericolosa in particolar modo con Ierinò, ma il colpo vincente sembra non voler arrivare. Nel finale tanta confusione, annulato un goal a Locri per sospetto fuorigioco, e non fischiato un calcio di rigore sempre a Locri per atterramento di Ierinò. Finisce tra le polemiche la finale Giovanissimi con Cosenza campione della Coppa Calabria per rappresentative

Commenta